Chi sono - Artista Piero Mochi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sono nato a Livorno, nel mese di luglio del 1940 ed ho iniziato a dipingere nel 1956.

Nel periodo 1957/58 ho frequentato la libera Accademia d'Arte Trossi-Uberti.

Nel  1966 con Umberto Allori,  Mario Bonsignori e Roberto Saviozzi fondammo il “Gruppo Attias” ed insieme a loro,  per circa venti anni, ho esposto le mie opere con le quali mi impegnavo a denunciare alcuni problemi come: l'ambiente, il sociale, il lavoro ed  i diritti.
Ricordo, con emozione, la prima esposizione con il gruppo fatta a Firenze nel 1967, subito dopo l'alluvione, alla Galleria G.A.I. che si trovava  sotto il livello dell'Arno e per l'occasione    reinaugurata da Giorgio La Pira.

Nel 1969  un ictus mi sconvolge fisicamente ed interiormente, un dramma personale che lentamente iniziai a mettere su tela, per arrivare al 1972 quando, con una personale alla galleria “Bottega d'Arte”, riprendo il percorso interrotto.

All'inizi  degli anni ottanta, terminata l'esperienza  col “Gruppo Attias”, con l'amico Paolo Netto  mi trasferii in un nuovo studio dagli spazi molto ampi e li fondammo “Studio 2“, fino al  1990 quando organizzai, presentata da Patrizia Pedri, la mia ultima esposizione personale.

Per un lungo periodo di riflessione, ho abbandonato colori e pennelli e mi sono ritirato a vivere in campagna, dove tra il verde degli ulivi e la tranquillità del posto,  ho reinventato un tipo di scultura che non è una scultura vera e propria, ma un assemblaggio di vecchi legni , in gran parte  recuperati sulla battigia del mare, con i quali faccio pesci, pesci e pesci, grandi, piccoli, di forme strane ed inventate, nei quali metto la  voglia di comunicare il mio messaggio.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu